Associazione Turistica Pro Sant'Agata - PRO LOCO

Largo Torricella - 82019 Sant'Agata dei Goti - 

Tel.  0823 717159 -  Fax 0823  953140 - cell. 338 9238541

Presidente Prof. Claudio Lubrano

    

 

     

LA  GALLERIA  STABILE  D’ARTE  CONTEMPORANEA

Il progetto

     La Galleria Stabile di Arte  Contemporanea nasce da un progetto della Pro Loco nel 2000 con il proposito di arricchire la città con un ulteriore luogo di visita nel già ricco percorso artistico e storico esistente.

     Il progetto iniziale per l’allestimento ha presupposto l’utilizzo delle numerose opere acquisite al patrimonio dell’Associazione Turistica pro Sant’Agata in quanto ente promotore ed organizzatore dei Concorsi Nazionale di Pittura negli anni 1960 – 1980.

     Le maggiori difficoltà per la realizzazione del progetto galleria si sono incontrate per il reperimento di un idoneo locale che, pur presentando i necessari requisiti, non impegnasse eccessivamente l’Associazione da un punto di vista economico.

     Dopo vari tentativi per il reperimento dei luoghi, la difficoltà è stata superata con la disponibilità dell’Amministrazione Comunale capeggiata dal Sindaco Antonio Frogiero che, esaminato il progetto proposto, provvedeva a deliberare l’affidamento in comodato d’uso alla Pro Loco dell’Antico Frantoio ricadente nel palazzo Mosera e delle pertinenze necessarie a tale funzione.

Un po’ di storia

     Il palazzo Mosera, ubicato nell’antico e suggestivo comparto di largo Torricella nel Centro Storico di Sant’Agata dei Goti, è di origine cinquecentesca e compare nella sua interezza in una stampa della fine del ‘700.

     Appartenuto alla famiglia Mosera fino agli anni ’60, il palazzo fu  acquisito al Demanio Pubblico per assenza di eredi e nel 1986 – 87 fu acquistato dal Comune. 

Tale famiglia, nelle sue generazioni,  annovera professionisti illustri per diversi aspetti anche precursori nella nostra città.  Gaetano Mosera, nel 1882, già valente ufficiale medico nell’esercito borbonico, fondava la Società Operaia di Mutuo Soccorso mentre il fratello Pasquale realizzava la prima farmacia cittadina.

    Precedentemente, già nel 1625, quando fu costruito l’acquedotto Carmignano, la famiglia Mosera fu particolarmente benemerita per aver consentito il passaggio del condotto sui propri fondi garantendo alla città una prima rete idrica con punti di acqua corrente così distribuiti nel Centro Storico:  fontana di Capo Corte in piazza Castello,  cortile del castello ducale,  via Giardinetto,  cortile episcopale dove era situata l’attuale fontana di piazza Duomo, giardino dello stesso palazzo Mosera con una fontana che alimentava anche all’esterno consentendo di attingere acqua all’intero quartiere di largo Torricella.

      Ancora oggi, alla base del muro perimetrale sul lato del giardino che costeggia via Diaz,  è visibile la vecchia conduttura in cotto in corrispondenza del pozzetto interno dello stesso giardino.

 

 

 

Clicca sull'immagine per ingrandirla

La sede della Pro Loco

     L’antico frantoio, oggi sede della Pro Loco, è situato al piano terra del palazzo di fronte alla villa comunale e conserva in buono stato l’impianto di molitura che risale alla fine del 1800.

      Ha funzionato ininterrottamente fino alla morte di Michelangelo Mosera avvenuta nel 1956 e da allora cominciò la decadenza del palazzo. 

     Nel 1969 morì anche la Hreycih, nota in città con l’appellativo di “ tedesca “, e da allora il palazzo rimase completamente incustodito divenendo luogo di riferimento per saccheggi e incursioni da parte di ignoti che ne asportarono mobili e suppellettili d’ogni genere.

     Anche nell’antico frantoio, al piano terra, furono realizzati abusi vari  completamente trascurati anche  con i successivi lavori di consolidamento e restauro protratti fino al 1998 – 99.

     Oggi comunque l’edificio è oggetto di attenzione e rivalutazione ed è stato destinato opportunamente per accogliere uffici di carattere comunale al piano inferiore, mentre al piano superiore comincia a delinearsi l’istituenda biblioteca e videoteca comunale.

     Dopo l’affidamento alla Pro Loco dell’Antico Frantoio con la cantina, sono stati realizzati lavori di rifinitura e adattamento recuperando le cavità sottoposte incautamente riempite con materiali di risulta durante i precedenti lavori. La Galleria d’Arte Contemporanea è composta da una grande vano al piano terreno con ambiti all’interno e la cavità sotterranea anch’essa ripulita e ripristinata.

     Sotto il piano calpestio è stato riportato alla luce un ambito con un sistema di vasche per il convogliamento delle acque reflue dalla lavorazione dell’olio convogliate con un condotto sotterraneo verso il sottosuolo della villa e quindi verso il Martorano.

 

Clicca sulle immagini per ingrandirle             

 

La cavità sotto il palazzo

     La cantina è profonda circa 19 metri e si raggiunge percorrendo una scala suggestiva alla fine della quale si apre un grande ambiente. Oltre alla caratteristica architettura comune alle cavità del centro storico con due occhi che raggiungono il livello stradale, in essa si notano  piccole cavità negli angoli a sinistra dovute alla formazione di bolle gassose avvenute durante la sedimentazione del tufo risalenti a circa  30.000 - 33.000 anni fa.

 

 

  

 

 

Associazione Turistica Pro Sant'Agata - PRO LOCO

Largo Torricella - 82019 Sant'Agata dei Goti - 

Tel.  0823 717159 -  Fax 0823  953140 - cell. 338 9238541

Presidente Prof. Claudio Lubrano

claudiolubrano@alice.it